ASP Catanzaro: Nutr..azione: conoscere e combattere l'obesità infantile è l'evento di sensibilizzazione tenutosi a Lamezia Terme

Intervento Perri a Nutrazione
(ASP) - Catanzaro, 10 luglio 2017 - "La Calabria ha il 25% di bambini in sovrappeso, l'11,7% obesi e una cosa gravissima che è il più alto indice in Italia il 4,7% di bambini obesi gravi, con situazioni che rasentano poi la patologia vera e propria con ipertensione, problemi metabolici e altro", sono questi i dati allarmanti presentati dal Direttore generale dell'ASP di Catanzaro, dott. Giuseppe Perri, nel corso dell'evento "Nutr…azione: conoscere e combattere l'obesità infantile", che si è tenuto a Lamezia Terme, nell'area del parco "Peppino Impastato".

L'iniziativa, sostenuta dal DG Perri, e condivisa da associazioni ed istituzioni del territorio, è stata promossa dall'unità operativa complessa Pediatria del presidio ospedaliero "Giovanni Paolo II" di Lamezia Terme, diretta dalla dottoressa Mimma Caloiero, per focalizzare l'attenzione su uno dei problemi più frequenti in grado di indurre un aumento significativo di rischi per la salute.

Platea uditori

Il dott. Perri, che ha aperto i lavori, ha evidenziato inoltre che "Il problema dell'obesità infantile sia da affrontare da diversi punti di vista, che esulano dall'ambito strettamente sanitario per sconfinare in alcuni aspetti sociali o sociologici che sono alla base del determinismo che è uno dei problemi più impellenti che il servizio sanitario nazionale ha in questo momento: quelle delle malattie cronico-degenerative". Ha poi sottolineato che "Nel 2008 l'istituto nazionale della sanità fece partire il programma Okkio alla Salute, che ha rilevato un dato allarmante: da quel momento fino ad ora la Calabria dopo la Campania è la regione con la più alta prevalenza di sovrappeso e obesità infantile."

 "La situazione che ha fotografato Okkio alla salute nel 2016 - ha evidenziato la dott.ssa Paola Nardone dell' Istituto Superio Sanità - rispetta abbastanza fedelmente quello che era già stato rilevato in passato per quanto riguarda la variabilità regionale del sovrappeso e dell'obesità, perché vediamo che le regioni del sud e del centro hanno prevalenze di sovrappeso e di obesità più elevate rispetto alle regioni del nord."

Sala

"La prima cosa che avviene in un bambino obeso – ha spiegato il Prof. Valerio Nobili direttore dell'unità operativa complessa Malattie Epatometaboliche dell'Ospedale pediatrico "Bambino Gesù" di Roma - è un accumulo di grasso all'interno del fegato, le evidenze scientifiche degli ultimi anni ci dicono che questo accumulo di grasso non è un evento statico, ma questo fegato che si infarcisce di grasso si infiamma fa un quadro di epatite, progredisce verso un quadro fibrotico e in alcuni bambini, geneticamente predisposti, verso un quadro di cirrosi. Non a caso - ha aggiunto - la malattia di cui parliamo è la prima indicazione al trapianto di fegato nell'adulto negli stati uniti d'America, ecco perché la prevenzione è al momento il pilastro dell'intervento. A livello mondiale questa malattia interessa il 50% almeno delle persone obese, in Italia noi dai dati del Ministero stimiamo in circa 1milione di bambini obesi, quindi almeno 500mila bambini hanno questa patologia. Penso che ormai - ha concluso il prof. Nobili - ci siano delle formule assodate: la prima formula è ridurre gli zuccheri nell'alimentazione, la seconda è ridurre i grassi, e la terza aumentare frutta, pesce e verdura, a lato di questo intervento dietetico incrementare e di molto l'attività fisica quotidiana, portandola almeno a 40/50 minuti al giorno."

Tavola rotonda

Per il consigliere regionale Antonio Scalzo l'evento ha rappresentato "una tappa importante per la medicina della nostra città, anche perché questo è un momento difficile in cui dobbiamo riappropriarci della nostra credibilità. Sono convinto della possibilità che un momento come oggi sia importante perché ci mette al passo con il resto del paese in un settore importante e delicato quale è quello dell'obesità e della nutrizione."

Hanno presenziato all'evento anche giovani pediatre calabresi con specifiche competenze che lavorano nella Pediatria di Lamezia Terme. Uno spazio è stato inoltre dedicato al tema della terapia chirurgica con il dottor Nicola Perrotta e un talk show ha concluso il meeting con la partecipazione di diverse figure professionali: la dottoressa Marina La Rocca igienista, Stefano Caccavari, giovane imprenditore, che ha parlato del suo progetto Mulino per Celiaci, pediatri, psicologi e il sociologo Pagano, con la moderazione del giornalista A. Cavallaro.

Attività pomeridiana

Il tutto mentre nell'area esterna bambini e genitori venivano intrattenuti dalle associazioni sportive lametine che hanno fatto vivere lo sport all'aria aperta e dalle associazioni di musicoterapia e clown terapia che hanno allietato i presenti. Sono stati, inoltre, allestiti stand alimentari di prodotti biologici, per sottolineare il senso di una valida "educazione alla salute" e non solo alimentare.

animatori

Le Direzioni

Il Territorio

Servizi

Comunicazioni

ASP Catanzaro

» FAQ
» Numeri Utili
» Link utili

 

Area Riservata

» Accedi

Note Legali

Direttore Responsabile
Sito web aziendale
Dott. Pasquale Natrella

Registrato presso il Tribunale Ordinario di Catanzaro
al Num. R.G. 529/2011 del 19/06/2011

Contatti

Via Vinicio Cortese 25 - 88100 CZ
P.IVA e Cod. Fisc.: 02865540799

Ufficio Direzione Generale:
direzionegenerale@pec.asp.cz.it


Direttore responsabile Sito Web pasquale.natrella@asp.cz.it