Comunicati Stampa

Comunicati Stampa

Asp Catanzaro: il DG replica ad alcuni articoli sulla Casa della Salute di Chiaravalle pubblicati dalla Gazzetta del Sud

31 Marzo 2017


(ASP) - Catanzaro, 31 marzo 2017 - Di seguito il testo integrale della nota inviata alla Gazzetta del Sud, redazione di Catanzaro, da parte del Direttore Generale dell'Asp di Catanzaro Dott. Giuseppe Perri:

"In relazione alle notizie allarmastiche apparse di recente su codesta testata, relative alla Casa della Salute di Chiaravalle, al fine di fornire una corretta informazione ai lettori ed evitare inutili preoccupazioni da parte dei cittadini ed istituzioni, questa Direzione ritiene opportuno intervenire per offrire utili precisazioni  in merito.

Le notizie, oltre ad essere prive di fondamento alcuno, palesano anche l'utilizzo di terminologie del tutto prive di significato, posto che la fisiatria è una branca specialistica, e non già un servizio, che trova la propria estrinsecazione elettiva nei servizi di riabilitazione.

Nessuna chiusura di una branca specialistica, quindi, nè dei servizi già attivi quali quelli di riabilitazione e/o di dialisi che non verranno dismessi e che, anzi, trovano specifica allocazione nel progetto della nuova struttura, con standard qualitativi più elevati.

Rassicurati i cittadini e le autorità, è però necessario sottolineare come, e non vorremmo che tale ipotesi trovasse riscontro nei fatti, forse gli imput ad "agitare le acque" provenissero da qualche dirigente dell'azienda "scontento" per la rimodulazione degli incarichi dirigenziali correlati alla riorganizzazione aziendale.

Se così fosse, non crediamo che i cittadini possano essere interessati dall'argomento che certamente non influisce in alcun modo sui servizi offerti dalla Casa della Salute ma esclusivamente sulle aspirazioni "primariali", tanto per usare un termine ormai vetusto ma comunque efficace, di qualche dirigente.

L'azienda ha quale suo fine quello di tutelare, nel rispetto delle norme contrattuali che regolano i rapporti con i propri dipendenti, i cittadini e non già le aspirazioni, seppur legittime, di carriera dei propri dipendenti.
Tutti noi siamo chiamati a soddisfare i bisogni di salute dei cittadini che, attraverso il prelievo fiscale, finanziano il servizio sanitario pubblico.

D'altrocanto, Chiaravalle rappresenta uno dei pochi esempi di democrazia compiuta in cui i cittadini partecipano attivamente alla vita della casa della salute ed orientano le scelte che l'Azienda concretizza nel rispetto del punto di vista di chi dei servizi è fruitore.

Certo di aver fornito ogni chiarimento a beneficio dell'utenza, chiede la pubblicazione integrale della presente, quale diritto di replica di un'Amministrazione pubblica, ai sensi della normativa sugli organi di informazione."