Valutazione delle performances attraverso l'ottimalità

Il progetto aziendale "Sistema integrato di misurazione e valutazione delle prestazioni sanitarie" ha ricevuto la menzione nell'ambito del concorso "Premiamo i risultati", promosso dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione, "per aver attuato nel 2009 un piano di miglioramento che ha coinvolto diffusamente l'organizzazione e gli stakeholder, e raggiunto i risultati attesi".

Il progetto si è classificato primo nel IV Gruppo di valutazione dei Piani di miglioramento presentati ed avviati dalle varie amministrazioni partecipanti.

logo

[ per una versione ad alta risoluzione dell'immagine cliccare qui ]

Elenco Riconoscimenti - IV gruppo [ scarica il file in formato pdf ]

Il premio è stato consegnato al Forum della Pubblica Amministrazione di Roma, lunedì 17 maggio 2010, dal ministro Renato Brunetta al Dott. Giuseppe Romano, direttore del Servizio Informativo Aziendale dell'Asp di Catanzaro, che ha sviluppato l'iniziativa progettuale.

Ne parlano (ogni link apre in una nuova pagina):

"Progetto Integrato di un sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni Sanitarie"

giuseppe romano

Responsabile: Romano Giuseppe
Telefono: 0961/703258 - 329/3174415
e-mail: siaas7@libero.it  
Ruolo: Direttore del Servizio Informativo Aziendale

Il progetto nasce dalla necessità di sopperire all'evidente criticità e ritardo, nell'implementazione dei sistemi dei controllo interno ed auditing negli apparati organizzativi e funzionali delle singole Aziende Sanitarie ed Aziende Ospedaliere; non essendo, soprattutto in Calabria, maturata la percezione del valore aggiunto dell'auditing che favorisce la conoscenza oggettiva per il corretto utilizzo delle risorse impiegate a fronte dell'erogazione di prestazioni ottimali ed appropriate.

Tale percorso virtuoso può essere più agevolmente completato se i controlli interni saranno vissuti come un "quid pluris" rispetto agli strumenti di governo e non come sovrastruttura che si aggiunge ai normali compiti istituzionali appesantendoli inutilmente.

Il raggiungimento di questo risultato lo si ottiene attraverso "prodotti" validi, soprattutto strumentali per garantire le funzioni ed i compiti istituzionali di programmazione del vertice politico e gestionale degli apparati organizzativi dell'azienda, al fine di creare un circolo virtuoso che misuri la coerenza programmatica e di risultato e renda univoca l'azione dispiegata in un sistema dove i vari elementi interagiscono in un equilibrio dinamico orientato verso lo stesso fine: l'ottimalità. Il nostro intervento è rivolto alla misura del punto di ottimalità per tutte le prestazioni sanitarie erogate nell'ASP di Catanzaro; ottenuto attraverso la conoscenza di due funzioni: quella dei costi e quella delle prestazioni.

Mettendo a sistema queste due funzioni otteniamo il punto di ottimalità nell'erogazione della prestazione, che rappresenta un valore x nel cui intorno si ottiene una minimizzazione dei costi ed una massimizzazione dei prodotti. Questi calcoli vengono eseguiti attraverso un apposito software sviluppato dal Servizio Informativo Aziendale.

La metodologia proposta coinvolge le tre aree erogatrici dei Livelli Essenziali ed Appropriati di Assistenza ed utilizza i dati provenienti dal controllo di gestione e dal servizio gestione risorse economiche. Onde garantire il corretto apporto si costituirà un gruppo di lavoro coordinato dal Responsabile del progetto e dai responsabili delle tre aree LEA Prevenzione, Distrettuale ed Ospedaliera che attraverso apposite le "schede dati", trattate dal personale del Servizio Informativo Aziendale, andranno a popolare la base dati del software per la verifica e misura della funzione di ottimalità ed appropriatezza della prestazione erogata. In conclusione l'obiettivo principale è garantire il corretto utilizzo delle risorse a fronte di prodotti qualitativamente elevati per soddisfare la domanda di salute.

Progetto Ottimalità (file in formato pdf):