S.C. Ortopedia e Traumatologia

Direttore Dr. Livio Perticone

L'Unità Operativa Complessa  di Ortopedia e traumatologia è situata  all'interno del Presidio Ospedaliero  di Lamezia Terme
Edificio degenze Torre  A - Primo Piano
Via A. Perugini   88046 Lamezia Terme

                                                                                                                                                         
COME ARRIVARE
MAPPA ORIENTAMENTO  accesso  ESTERNO   (a cura URP)
MAPPA ORIENTAMENTO  interno EDIFICIO  (a cura URP)

Parcheggio
Antistante all'Ospedale è presente un'ampia zona di parcheggio custodita.  Davanti all'ingresso principale è presente area di posti auto riservata a persone con disabilità.

Recapiti telefonici

  • Direttore       Tel. 0968-208879
  • Personale     Tel. 0968-208900
  • Infermeria     Tel. 0968-208873 
  • Day-Hospital Tel. 0968-208902
  • Ambulatorio Tel.  0968-2087042
  • FAX : 0968-208880
  • Email: ortopediapolt@gmail.com

Numero posti letto :  20  di Degenza Ordinaria,  1  in Day Hospital

 

Orario visita ai degenti
Domenica e festivi  ore  12:00 - 14:00
da lunedì a  Sabato  ore  12:30 - 14:00
da lunedì a  Sabato  ore  18:00 - 20:00
 

Dirigenti Medici:
Responsabile dell’U.O.C di traumatologia Dr. Perticone Livio: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Ha interesse principale ed esperienza nel trattamento di fratture articolari ad elevata energia e nel trattamento delle complicanze in traumatologia: ritardi di consolidazione,pseudoartrosi ed infezioni. Grande esperienza nel trattamento delle patologie del piede e nella chirurgia protesica di anca, ginocchio e spalla.
• Bonacci Loredana: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello e responsabile  ambulatorio di Osteoporosi. Principale campo d’interesse: traumatologia generale.
• Chiodi Federico: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello con grande esperienza in traumatologia  vicedirettore dell’U.O. di Traumatologia. Principale campo d’interesse: traumatologia generale e chirurgia della mano
• Corigliano Antonio: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello. Principale campo d’interesse: Traumatologia dello sport, chirurgia protesica (anca, ginocchio  e spalla).
•  Doria Germana: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello e responsabile delladegenza. Principale campo d’interesse: Traumatologia generale.
• Gatto Alan: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello. Principale campo d’interesse: Traumatologia generale e dello sport.
• Gigliotti Sergio: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello. Principale campo d’interesse: Traumatologia generale, chirurgia ambulatoriale.
• Loiarro Maria: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello. Principale campo d’interesse: Traumatologia generale.
• Maschio Riccardo: Specialista in Ortopedia e Traumatologia. Dirigente di I livello. Principale campo d’interesse: Traumatologia generale, chirurgia dell’anca e del ginocchio.
Coordinatore infermieristico: Maletta Francesco
Infermieri Professionali: Suor Jessy, Colombino Giuseppe,Colosimo Carmen, Iacopetta Antonio, Gallo Cristina, Molinaro Alessandra, Porco Claudio, Pullia Massimo, Torchia Maria, Villella Rita.
Responsabile del Day - Hospital: Torcasio Giuseppe
Responsabile Sala Gessi: Nicolazzo Domenico
Tecnici Sala Gessi: Aiello Vincenzo, Innocenti Devid,  Torcasio Raffaele
Terapista della riabilitazione: Falvo Giovanni

Mission 

Rispondere con rapidità e specifica competenza alla richiesta di trattamento del paziente che riporta traumi a valenza ortopedica, da qualunque punto della rete la richiesta provenga, facendosi carico del trattamento globale ( Urgente e Differito ) e del suo decorso.  

Migliorare la qualità della vita dei pazienti con patologie ortopediche, grazie a cure mediche e chirurgiche sempre più efficaci e personalizzate.
La Divisione di Ortopedia svolge diagnosi, cura e trattamento delle malattie Ortopediche/traumatologiche in regime di Ricovero Ordinario, Day-Surgery ed Ambulatoriale.

.

ATTIVITÀ CHIRURGICHE EROGATE
 
La nostra Equipe si distingue per la grande esperienza nel  trattamento delle fratture di femore nell’anziano, le fratture ad elevata energia che interessano gli arti, lesioni acute o croniche  a carico di tendini ed il trattamento delle complicanze delle fratture: pseudartrosi, vizi di consolidazione, infezioni, intolleranza ai mezzi di sintesi.
Nell'ambito della Chirurgia Ortopedica (interventi in elezione), la nostra unità operativa si distingue per la Chirurgia Protesica di anca,ginocchio e spalla e per il trattamento delle patologie del piede (Alluce valgo, dita ad artiglio, Neuroma di Mortoncc..).
Vengono eseguiti in media circa 700 interventi chirurgici all'anno di chirurgia Maggiore.
Ogni anno vengono eseguiti circa 200 interventi di chirurgia ortopedica minore (ambulatoriale e daysurgery)
 Interventi chirurgici  programmati eseguiti in regime di ricovero ordinario:
Artroprotesi d’anca
Artroprotesi di ginocchio
Artroprotesi di spalla
Trattamento per Alluce valgo e dita ad artiglio
Trattamento per Neuroma di Morton
Trattamento di rimozione mezzi di sintesi dei grandi segmenti ossei
Trattamento delle complicanze delle fratture (psuedoartrosi, infezioni, vizi di consolidazione).
 Interventi chirurgici  programmati eseguiti in regime ambulatoriale o daysurgery:
Asportazione neoformazioni della mano e del piede
Trattamento chirurgico di fratture di piccoli segmenti ossei (falangi, metacarpi, metatarsi) Trattamento Sindrome del tunnel carpale
Trattamento Dita a martello
Trattamento Dita a scatto
Rimozione mezzi di sintesi piccoli segmenti ossei  ecc..
Trattamento per Morbo di Dupuytren con tecnica mini-invasiva
 
 
Principi di trattamento

Traumatologia.
I pazienti  fratturati vengono curati seguendo i principi scientifici e le linee guida dell’AO (Associazione Internazionale dell’Osteosintesi) www.aosurgery.org .
 
Timing: Tutte le fratture con indicazione chirurgica richiedono un trattamento rapido.
 
Le fratture del collo femore dell’anziano richiedono un intervento entro le 24-48 ore, quando il paziente è privo di comorbidità che rendono la chirurgia ad alto rischio di mortalità. In presenza di gravi comorbidità  (cardiovascolari, polmonari, neurologiche, metaboliche,  oncologiche), il paziente potrà essere stabilizzato e successivamente rivalutato per il trattamento chirurgico.
 
Tutte le fratture che richiedono un preciso piano preoperatorio utilizzando esami di secondo livello (proiezioni radiografiche aggiuntive, TAC) vengono operate il prima possibile, non in urgenza.
 
Lo scopo del trattamento è dare un veloce ritorno funzionale considerando che normalmente il tempo di consolidazione di un osso lungo dell’adulto è di 4 mesi, di un’epifisi articolare di 3 mesi. L’immobilizzazione post operatoria prolungata è prevista solo in casi particolari.
 
 Chirurgia Protesica
La chirurgia ortopedica di tipo protesico è in grado di curare efficacemente la patologia articolare degenerativa delle articolazioni, essenzialmente l'artrosi, e in modo minore fratture, artriti, tumori. Grazie all'evoluzione delle tecniche e dei materiali, l'impianto di una protesi consente di ottenere un risultato duraturo ed è in grado di togliere il dolore e di restituire mobilità e funzionalità normali all'articolazione.                                                    Utilizziamo vari tipi di protesi siacementate che non cementate e la scelta della protesi viene fatta dal chirurgo che interpreta nel modo più corretto i parametri da cui emergono le indicazioni per l'utilizzo di un tipo di protesi piuttosto che l’altro (sesso, età, gravità dell’ osteoporosi, indice morfo-corticale, necessità di performance).                                                                                                                                               
Solitamente il paziente effettua in regime di prericovero tutti gli esami necessari in preparazione all’intervento chirurgico.
 
 
Degenza

La degenza in ospedale deve essere la piu’ rapida possibile per evitare le infezioni ospedaliere. Solitamente il giorno dopo l’intervento, o, appena i valori di laboratorio e la componente di dolore, si sono stabilizzate, il paziente viene dimesso a domicilio.
La riabilitazione post operatoria, ove indicata,inizia immediatamente nella nostra Unita’ Operativa, per proseguire successivamente con l’individuazione del setting assistenziale più adeguato per quel paziente.                                      
Il trasferimento in reparti specializzati di riabilitazione viene generalmente consigliato ed effettuato solo in caso di anziani con scarso supporto familiare.
 

Modalità di accesso al ricovero

L'accesso per ricovero può avvenire:
  •  In urgenza tramite Pronto Soccorso
  •  In regime ordinario per interventi chirurgici programmati dopo visita medico-specialistica presso gli ambulatori dell'unità operativa in base al grado di urgenza della patologia, dopo opportuna preparazione in preospedalizzazione.
  • Per trasferimento da altre unità operative della stessa struttura o da altri ospedali.
L'accesso al DaySurgery avviene su indicazione del medico specialista.

 

ALLEGATI  denominazione A cosa serve Scarica documento
Intervento Conoscere le  modalità di preparazione all'intervento Scarica
Carta di accoglienza Conoscere le modalità di degenza e le regole del reparto Scarica

     

ATTIVITÀ SANITARIE EROGATE  in specialistica ambulatoriale

Ambulatorio Prestazione specialistica Codice tariffario
ortopedia Visite specialistiche ortopediche 89.7
ortopedia Infiltrazioni peri tendinee 81.92
ortopedia Infezioni endo bursali 81.92
ortopedia Iniezioni endo-articolari di gionocchio 81.92
ortopedia Iniezioni endo-articolari di spalla 81.92
ortopedia Iniezioni endo-articolari di  anca con guida ecografica 81.92
ortopedia Iniezioni endo-articolari di piccole articolazioni 81.92
ortopedia Infiltrazioni ecoguidate 81.92
ortopedia Confezione apparecchi gessati 93.53
ortopedia Bendaggi 93.56
ortopedia Suture cutanee 86.59
ortopedia Medicazioni 93.57
ortopedia Rimozione supporti 97.88
osteoporosi Visita Specialistica 89.7

 

MODALITÀ DI PRENOTAZIONE E ACCESSO

L'acceso per prestazioni specialistichedi diagnosi e cura a utentiesterniè effettuato tramite prenotazione CUP presso sportelli ingresso principale dell'ospedale o presso le farmacie  del terriorio AS

Il Direttore  ed alcuni dirigenti medici effettuano visite specialistiche ed attività ambulatoriali (iniezioni endoarticolari, infiltrazioni ecc..)  in regime di intramoenia. La prenotazione a tali prestazioni può avvenire attraverso gli uffici preposti o le farmacie territoriali convenzionate

 

Informazioni  utili


Che cosa portare in caso di ricovero
Oltre agli effetti personali, è necessario portare un documento d'identità e la tessera sanitaria d'iscrizione allo SSN. I cittadini stranieri se non in possesso di tessera sanitaria, devono portare il permesso di soggiorno e gli estremi della polizza assicurativa che garantisce la copertura della spesa sanitaria.
E' utile presentare la documentazione sanitaria personale, come ad esempio: le copie di cartelle cliniche o le lettere di dimissioni di ricoveri precedenti, i referti di esami e accertamenti diagnostici, la documentazione radiologica e i farmaci che si assumono abitualmente.  Effetti personali: biancheria personale, vestaglia, pantofole. Necessario per l' igiene personale.
Al momento del ricovero il paziente deve firmare l'autorizzazione al trattamento dei dati sensibili, dichiarando a chi desidera siano date informazioni sulla sua salute. (consensi informati)
Le persone autorizzate a ricevere informazioni sullo stato di salute dei degenti potranno parlare con il Medico Responsabile di Reparto tutti i giorni, tranne i festivi,  dalle ore 12,30 alle 14,00.
 

Le dimissioni
Avvengono generalmente alla fine della mattinata. L'unità operativa al momento della dimissione, consegna al paziente una lettera informativa per il medico curante, indicante la diagnosi, le prestazioni eseguite, le eventuali indicazioni terapeutiche e le visite di controllo dopo la dimissione.
Alla presenza di situazioni specifiche che lo richiedono l'unità operativa attiva procedure sussidiarie per garantire, dopo il ricovero, la continuità assistenziale al paziente. (Dimissioni protette)
I farmaci di fascia A inseriti nel prontuario terapeutico ospedaliero prescritto dal medico al momento della dimissione, sono distribuiti presso la farmacia dell'ospedale.

Il trasporto in ambulanza
L'organizzazione e gli oneri riguardanti il trasporto di un paziente presso altre strutture sanitarie, per accertamenti o trasferimento disposto dal reparto/servizio, sono a carico della struttura ospedaliera.
L'eventuale trasporto a domicilio o ad altra sede richiesta dal paziente è a carico dello stesso.

Il volontariato

Presso la degenza è presente l'AVO (associazione volontari ospedalieri), che esercita funzione di assistenza e di conforto nei confronti dei pazienti ricoverati.

STANDARD  di qualità   reparto


Il tempo di attesa per il ricovero programmato è fissato dai medici dell'Unità Operativa in riferimento alla priorità clinica del caso e al tipo di patologia.
La presa visione della richiesta di intervento del paziente da parte del personale in servizio è immediata. L'intervento effettivo è commisurato all'urgenza valutata dal personale.
Le informazioni sulle caratteristiche dell'Unità Operativa per orientarsi nell'Unità Operativa  e sulla degenza sono assicurate dalla consegna a tutti i degenti della scheda informativa dell'Unità Operativa.(foglio accoglienza)
Viene assicurata la possibilità di avere le informazioni adeguate per conoscere la propria situazione sanitaria nel rispetto delle normative sulla privacy.
La regolarità delle visite mediche in corsia è assicurata da almeno un passaggio giornaliero del medico in corsia.
Tutto il personale si impegna ad avere atteggiamenti cortesi e rispettosi verso i degenti e i loro familiari.
Possibilità di utilizzare, a richiesta del  paziente ausilio da parte di associazioni di volontariato attive in reparto .
Tutti i pazienti al momento della dimissione ricevono una relazione sanitaria contenente i dati essenziali del ricovero, i risultati degli accertamenti più significativi e tutte le indicazioni per la prosecuzione delle cure da portare al proprio medico curante.

 

STANDARD di Qualità Ambulatorio

Garantire il rispetto del tempo e della dignità del paziente attraverso:
la predisposizione di orari di accesso certi;
il rispetto degli orari concordati per le prestazioni;
la possibilità per il paziente di conoscere e scegliere  lo specialista al quale affidarsi;
la refertazione immediata o in tempi brevi delle  prestazioni diagnostiche;
un ambiente confortevole, pulito e tale da garantire la riservatezza durante l'erogazione del servizio;
la professionalità e cortesia da parte di tutti gli addetti e la disponibilità a fornire informazioni adeguate;
il rispetto della privacy.

 

Resposabili dei contenuti

Dott. Corigliano Antonio

Dott. essa Bruni Annamaria

Ultimo Aggiornamento : 28/02/2020

Le schede informative e gli standard sono da considerare sempre migliorabili. Si chiede la collaborazione di tutti per la segnalazione di eventuali problemi,imprecisioni,scarsa chiarezza delle informazioni o non rispetto degli standard.

La segnalazione va fatta al: Ufficio Rapporti con il Pubblico

e-mail:annamaria.bruni@asp.cz.it

 

 

 

 


__________________________________________________________

Ultimo aggiornamento: 13/05/2020

A cura di URP e Comunicazione